Creativamentedesign Home » Blog » I migliori temi WordPress gratis e a pagamento: cosa scegliere?

I migliori temi WordPress gratis e a pagamento: cosa scegliere?

Oggi vediamo quali sono i migliori temi WordPress gratis e a pagamento, dove trovarli e quali considerazioni fare prima installarli sul nostro sito web.

La scelta di un template WordPress  è un’operazione importante da non sottovalutare è che può influire positivamente o negativamente sulla performance generale del sito, sul traffico e su aspetti SEO.

Vediamo quindi come scegliere il miglior tema WordPress senza commettere errori e in totale sicurezza.

I migliori temi WordPress: gratis VS a pagamento

migliori temi wordpress

Prima di scegliere il tema per il tuo progetto dovresti innanzitutto avere bene in mente quali sono i tuoi obiettivi e a quale pubblico ti rivolgi. Se intendi realizzare un blog personale o un sito web nel quale inserire contenuti inerenti ad una tua passione, un tema gratuito può essere una buona soluzione per il tuo scopo.

In rete è possibile reperire un’enorme vastità di temi gratuiti. Il sito migliore dove scaricarli è sicuramente la directory ufficiale di WordPress.
Qui certamente troverai un template sviluppato seguendo le linee guida della piattaforma e che rispetti le tue esigenze.

Ma è davvero una buona idea scegliere un tema WordPress gratuito? Personalmente non la trovo una scelta professionale e nel breve periodo potrebbe addirittura danneggiarti.

Solitamente i template rilasciati gratuitamente vengono sviluppati da programmatori alle prime armi allo scopo di far pratica e acquisire pubblico per il futuro. Non me ne vogliano questi programmatori, ma purtroppo bisogna considerare che un tema WordPress non opportunamente programmato può influire pesantemente sulla performance dell’intero sito internet subendo inoltre penalizzazioni da parte di Google alla vista di utenti che scappano dopo pochi secondi.

Questi temi poi vengono spesso abbandonati e non aggiornati, ed un tema non aggiornato si traduce in problemi di conflitto con le versioni più recenti della piattaforma. Sarà inoltre sempre più difficile ricevere assistenza e, seppure è vero che la community di WordPress è piuttosto attiva, il supporto che potrai ottenere sarà sempre quello di un altro utente che tenta di aiutarti con le conoscenze a sua disposizione.

Non è detto che tutti i programmatori siano alla loro prima esperienza e che tutti i template gratuiti abbiano questi problemi. Anzi, alle volte questi temi sono la versione limitata di quelli che puoi trovare a pagamento nella versione pro.

A questo punto il suggerimento che mi sento di darti, se vuoi veramente realizzare un sito web per la tua azienda o creare un business online, è quello di scegliere direttamente un tema a pagamento tra i migliori temi WordPress a disposizione. Il costo di questo investimento è piuttosto irrisorio e si aggira attorno ai 35 euro. Con questa cifra puoi davvero portarti a casa un ottimo tema.

I migliori Temi WordPress: quali errori non commettere

Vediamo in questo paragrafo quali sono gli errori da non commettere assolutamente quando vagliamo i diversi temi WordPress tra quelli a pagamento e non.

  1. Non fare ricerche del tipo “migliori temi WordPress 2017” perché scegliere il migliore tra quelli dell’anno in corso non ti garantisce assolutamente un prodotto di qualità.
  2. Non farti sviluppare un tuo tema partendo dalla grafica da un web developer per qualche centinaio di euro. Lo senti questo campanello dall’allarme? Suona perché sviluppare da zero un tema costa molto, ma molto di più. Se hai trovato uno sviluppatore disposto a farlo per pochi euro mi sa che sei finito nella mani di un programmatore inesperto.
  3. Non fare ricerche del tipo “migliori temi WordPress gratis” per i motivi citati sopra.
  4. Acquistare template WordPress senza aver letto le caratteristiche o da siti poco affidabili.
  5. Scegliere temi non responsive. Questa è davvero una pessima scelta. Ormai da anni Google ha intrapreso la sua personale battaglia e recentemente ha annunciato penalizzazioni per i siti web che non sono ottimizzati per l’utilizzo da dispositivi mobili.

Dove trovare i migliori temi WordPress

temi wordpress a pagamento

Dopo aver visto quali sono i cinque maggiori errori da non commettere nella selezione di un tema WordPress, passiamo ora ai consigli pratici per sceglierne uno a pagamento affidabile.

Un marketplace, anzi, il marketplace per eccellenza dove acquistare un tema WordPress è sicuramente Themeforest che conta attualmente più di 10.000 temi.
Davanti ad un numero del genere è facile spaventarsi ed andare in confusione se non si conosce Themeforest e se ci troviamo per la prima volta a dover affrontare questo tipo di scelte.

Nella pratica il sito ci viene molto in aiuto grazie alla possibilità di poter ricercare il tema attraverso dei filtri. Oltre a quelli di categorie e tag che in questo momento non ci interessano, quelli che fanno più a caso nostro sono “sales” e “rating”. Una volta selezionati la ricerca ci restituirà i temi più venduti e apprezzati dagli utenti.

Questo è un buon metodo per ottenere dei suggerimenti apprezzabili. Difficilmente un tema non valido avrà tante vendite con ottime recensioni.

Altri siti dove reperire temi WordPress professionali: mythemeshop.com, themefy.me

Temi WordPress a pagamento: i consigli pratici per fare un’ottima scelta

temi wordpress professionali

Per non sbagliare e perdere tempo cercando di rimediare ad errori commessi nella scelta del template che potrebbero davvero farmi perdere il sonno, solitamente procedo valutando alcune caratteristiche indispensabili che deve avere il tema.

Su Themeforest cerco solitamente i temi più venduti e valutati positivamente. Dopo aver individuato quello che potrebbe fare al caso mio, nella scheda del tema e in generale controllo:

    1. La data di creazione e l’ultimo aggiornamento rilasciato. Questo perché personalmente ho più fiducia in temi di vecchia data ma che ricevono costantemente degli aggiornamenti, piuttosto di temi più recenti ma con rilasci più lenti. Per esperienza i temi più “maturi” sono quelli che ad oggi sono ancora attivi e perfettamente funzionanti.
    2. La compatibilità con WordPress. Non fare l’errore di pensare che il tema debba essere compatibile solo con la versione più attuale della piattaforma. Io cerco sempre di avere almeno dalle cinque alle tre versioni precedenti all’attuale. Ovviamente, se stiamo parlando di una nuova installazione di WordPress, possiamo anche omettere di tenere in considerazione versioni troppo vecchie.
    3. La compatibilità con i plugin. Se hai una lista di plugin irrinunciabili, controlla se questi potrebbero avere qualche tipo di conflitto. In passato capitava spesso di incappare in temi con profondi conflitti con plugin come WPML o versioni di WooCommerce.
    4. Il supporto. Un altro aspetto indispensabile da considerare è il supporto fornito dagli sviluppatori. Controllo che ci sia un’area prioritaria sul loro sito con una chat o con la possibilità di chiedere supporto attraverso l’apertura di ticket. Se non “conosco” il team controllo la scheda dei commenti per verificare con quanta frequenza rispondono agli utenti. Se vedi che dopo settimane il commento è ancora lì senza risposta, fai delle valutazioni o approfondisci con delle ricerche in rete.
    5. La coerenza con l’attività del sito da sviluppare. Siccome anche l’occhio vuole la sua parte è bene farsi un giro nella demo e verificare cosa offre graficamente il sito web e se questo è in linea con le nostre necessità. Se sei un fotografo e vuoi crearti un portfolio dei tuoi lavori è abbastanza probabile che avrai bisogno di un tema con una solida galleria fotografica. Scegliere un tema nella categoria “restaurant” forse non ti sarà utile 😉 .

I 3 temi Premium WordPress più popolari

AVADA

È il tema più venduto di sempre su Themeforst. Ha un’ottima reputazione e più di 20 demo pre-confezionate a disposizione dell’utente.
Fusion Builder, soprattutto nelle recenti versioni, è abbastanza intuitivo seppur con tante funzionalità che possono mettere in difficoltà i meno esperti.

Costo: 60 $
Votazione: 5/5 stelle
Recensioni: 19.000+
Temi venduti: 360.000+

ENFOLD

È il terzo tema più venduto sempre sul marketplace Themeforst. Anche Enfold ha più di 20 template demo, ma con un layout builder un po’ forse meno accattivante rispetto quello di Avada, ma ottimo nelle le sue funzionalità.

Costo: 59 $
Votazione: 5/5 stelle
Recensioni: 8.400+
Temi venduti: 138.000+

DIVI

È l’orgoglio di Elegant Themes, un’agenzia estremamente popolare. A differenza di Themeforest, Elegant Themes mette a disposizione tutti i sui temi, ad oggi più di 80, con un abbonamento mensile o una quota una tantum. Viene spesso indicato come il tema adatto ai i principianti per il suo builder semplice ed immediato. Personalmente ho avuto a che fare con una vecchia versione e l’ho trovato tutt’altro che semplice. Davvero troppe le funzionalità a disposizione.

Costo: 89 $ al mese o 249 $ per l’accesso illimitato

Quali sono secondo me i migliori temi WordPress?

Senza esitazione posso rispondere di aver usato e abusato di Avada ed Enfold fino allo sfinimento. Due ottimi temi, con qualche pecca, ma moderni ed estremamente aggiornati.

Mi trovo così bene e a mio agio che non ho mai avuto praticamente il bisogno di richiedere il supporto (entrambi in lingue inglese) per risolvere delle problematiche, se non in una rarissima occasione in cui, più che altro per testare l’effettiva praticità del servizio, ho contatto il team di supporto di Avada.

In quella occasione posso dire di aver ricevuto assistenza nell’arco di un’ora ed oltre ad una dettagliata spiegazione su come risolvere il problema si offrono, fornendogli i dati di accesso FTP e del pannello di amministrazione di WordPress, in prima persona per risolvere qualunque tipo di rogna.

By | 2017-11-22T19:55:31+00:00 novembre 10th. 2017|Blog, Guide WordPress|

About the Author:

Creativamente Web / Graphic Designer Freelence con una passione smodata per tutto ciò che riguarda WordPress. Da oltre cinque anni mi occupo prevalentemente di realizzazione siti web collaborando anche con diverse agenzie web del territorio.